Calendimaggio ad Assisi

calendimaggio assisi
Foto di proprietà del sito web http://www.calendimaggiodiassisi.com/

 

Una manifestazione nata dal sentimento dell’antico popolo degli Umbri è senz’altro il Calendimaggio ad Assisi.

Questa tipica e particolare festa dalla tradizione medievale ha una durata di tre giorni e, mentre anticamente il periodo di festa era sempre dal 29 aprile al primo maggio, oggi si svolge invece in un periodo fluttuante (per evitare la coincidenza con altre celebrazioni laiche) e più precisamente nei primi mercoledì, giovedì, venerdì e sabato di maggio che non comprendano il primo maggio.

Le origini del Calendimaggio sono antichissime e si riallacciano a diverse consuetudini pagane che celebravano con diversi riti il ritorno della primavera, il rinnovarsi del ciclo della vita, mantenendo sempre un impronta prettamente gioiosa.

La città di Assisi raggiunse, già agli inizi del ‘300, il suo massimo splendore, con l’estensione delle mura cittadine, dei suoi castelli, con le sue meravigliose chiese e la presenza di grandissimi pittori tra cui Giotto, Cimabue, i fratelli Lorenzetti e Simone Martini.

E’ proprio in questo periodo che la città, così come altre in Italia, si divise in due parti, la “Parte de Sotto” e la “Parte de Sopra” facenti capo alle rivali famiglie dei Fiumi e dei Nepis, dinastie che con le loro ambizioni e l’odio reciproco caratterizzeranno la città nei successivi secoli, con scontri talvolta anche violenti, ma che, col passar del tempo, videro mettere da parte l’uso delle armi e continuare la rivalità in maniera molto più civile.

In questi periodi di lotte civili si mantiene però sempre viva l’usanza di celebrare la festa di primavera, facendo rivivere canti e musiche dell’epoca medievale, dando vita in città a varie rievocazioni antichissime, come le serenate sotto i balconi delle ragazze o l’elezione del Re della festa.

La partecipazione popolare al Calendimaggio di Assisi è sempre stata molto viva, le usanze della festa si protraggono per secoli. Dal 1954 questa caratteristica manifestazione assume, con l’entusiasmo di tutta la sua cittadinanza, la suggestiva forma che fino ad oggi conserva. Le due fazioni di Assisi danno vita ad una contesa che rievoca i tempi del Calendimaggio, con un’intensità tale da far rivivere alla città quell’atmosfera che l’aveva caratterizzata per secoli, in ogni sua dimensione.

Ma come si svolge nello specifico questa meravigliosa festa?

Nel pomeriggio le due Parti presenziano alla “Benedizione dei Vessilli”, che avviene nella Basilica di San Francesco per la Parte de Sotto, mentre per la Parte de Sopra ha luogo nella Cattedrale di San Rufino.
Entrambe sono brevi cerimonie religiose, tra l’altro le uniche in una festa assolutamente profana, e risultano molto sentite da entrambe le Parti, creando un’atmosfera di tensione e commozione.

Successivamente, in Piazza del Comune e dinanzi ai rappresentanti delle Parti, vi è la “Consegna delle Chiavi”, ovvero l’atto simbolico col quale il Sindaco di Assisi offre al Maestro de Campo la potestà giudiziaria per tutto il periodo della manifestazione. Dopo i cortei delle Parti vi sono le letture dei bandi di sfida, simpatica occasione col quale i rivali si colpiscono verbalmente con le armi dell’ironia e del sarcasmo.

Poi, dopo le sfilate dei cortei, avviene la l’elezione della Madonna di Primavera.
Si tratta di tre gare di forza ed abilità, nello specifico il tiro della fune, la corsa con le tregge ed il tiro con la balestra.
Ad ogni balestriere è abbinata, a sorte, una Madonna e, il balestriere che avrà ottenuto due vittorie su tre, vedrà la sua Madonna essere eletta Regina della Primavera. La Parte che elegge Madonna Primavera acquisisce la possibilità di rappresentare per prima le scene nell’edizione successiva.

I giorni della festa si caratterizzano in particolar modo quando giunge il momento delle Scene di Parte, occasione in cui viene “vissuta”, in maniera vera e propria, una notte di Medioevo. Alle Scene partecipano solo persone vestite di abiti medievali, appartenenti alle Parti di turno.

Giunge poi il momenti del Corteo di notte e del Corteo di giorno. Gli abitanti di Assisi chiamano questi cortei col semplice termine di “sfilate”, anche se invece, nell’ambito del Calendimaggio, queste manifestazioni rappresentano probabilmente la vera e propria sfida tra le due Parti.

I cortei del giorno raccontano storie e vicende, spesso fantastiche, riguardanti comunque il modello narrativo medievale, tra l’alternarsi di effetti scenografici, coreografici e diverse azioni teatrali.

E poi, ai cortei della notte, giunge l’immancabile sfida canora. In una piazza gremita e in un silenzio sacrale, i cori delle due Parti si esibiscono, in una conchiglia appositamente montata per garantire la miglior diffusione acustica, nel primo brano detto “di sfida” (brano in comune), per poi cantare i successivi due brani scelti da ciascuno dei cori stessi.

Terminata la sfida canora, aspettano tutti in Piazza il responso dei giurati, riuniti per l’occasione negli uffici del Comune presso il Palazzo del Capitano del Popolo. La Parte vincitrice viene infine nominata dal Maestro de Campo al termine del fatidico discorso di rito di chiusura della festa.

Quest’anno i vincitori del Calendimaggio di Assisi sono stati quelli della Parte de Sotto, che si sono imposti sui rivali in ognuna delle sezioni di sfida (storia, musica e spettacolo).

Vivere l’emozione del Calendimaggio di Assisi è certamente una splendida occasione per poter trascorrere dei giorni rilassanti nella meravigliosa Umbria, cuore verde d’Italia, caratteristica per la sua natura incontaminata e per il fascino dei suoi luoghi incantati, ricchi di storia e tradizione.

Presso il nostro relais sul Lago Trasimeno, Il Cantico della Natura, potrai vivere un periodo di assoluto relax immerso nelle meraviglie della natura umbra, godendo appieno del comfort necessario a rendere indimenticabile il tuo periodo di permanenza.

Verifica le disponibilità di camere sul nostro sito web www.ilcanticodellanatura.it o, per maggiori informazioni, contattaci al numero telefonico +39.075.841454.

In breve
Titolo
Calendimaggio ad Assisi
Sintesi
Una manifestazione nata dal sentimento dell'antico popolo degli Umbri è senz'altro il Calendimaggio ad Assisi
Autore
Pubblicato da
Il Cantico della Natura
Il nostro logo

Autore dell'articolo: Chiara Sorrentino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *